Questo sito è in vendita. Per maggiori informazioni scrivere a gupodomain [at] gmail . com

Integratori per parassiti intestinali

Indice dell’articolo

La parassitosi intestinale è una condizione più frequente di quanto si possa pensare, ma non tutti sanno di soffrirne. Per fortuna gli integratori per parassiti intestinali aiutano a liberarsi di questi ospiti indesiderati!

Qualcuno avrà sentito parlare dei parassiti intestinali nei cani e nei gatti, eppure non è un problema che coinvolge soltanto gli amici a quattro zampe.

Si tratta di veri e propri parassiti che trovano il luogo ideale in cui crescere e proliferare nell’organismo umano, provocando danni che si traducono in una serie di sintomi più o meno gravi.

Il problema è che i sintomi dei parassiti intestinali vengono confusi spesso con i sintomi di altre condizioni, ritardando la diagnosi e lasciando campo libero ai vermi intestinali.

Come sono i parassiti intestinali?

I vermi intestinali sono organismi viventi che possono sopravvivere soltanto in un altro organismo, essere umano compreso.

Tra i parassiti intestinali ci sono sicuramente gli ossiuri (specie quando si tratta di parassiti intestinali nei bambini), ma esistono tantissimi tipi di parassiti.

Oltre a questi elminti nematodi, la parassitosi può essere provocata da parassiti intestinali dai nomi strani appartenenti al genere nematodi, amebiasi, estodi e giardiasi. Tutti agiscono più o meno allo stesso modo.

Il consumo di carne o pesce poco cotti o crudi, l’uso di acqua e verdure contaminate e il contatto con rifiuti, feci, mani e oggetti infestati fa entrare questi ospiti nel corpo sotto forma di larve e da quel momento viaggiano fino all’intestino tenue dove si schiudono e dopo arrivano nell’intestino crasso per attaccarsi alla sua mucosa.

Dopo qualche settimana, le larve raggiungono lo stato adulto e, se gli esemplari maschi scompaiono, le femmine adulte continuano a depositare le uova nella zona anale di notte e a tornare nell’intestino.

A loro volta, poi, le uova depositate dalle femmine adulte si comportano subito come organismi infestanti, iniziando a contagiare le altre persone che entrano in contatto con una mano, un cibo o un oggetto infetto.

Che sintomi danno i parassiti intestinali?

I sintomi dei parassi intestinali cambiano a seconda della tipologia di parassita e del grado di parassitosi, ma possono essere riassunti in dolore nell’area addominale, gonfiore addominale, febbre e diarrea.

In alcuni casi, oltre ai sintomi comuni, la parassitosi intestinale si manifesta attraverso eritemi fastidiosi, nausea, vomito, stipsi, meteorismo, prurito anale e stanchezza cronica.

La presenza di parassiti intestinalisintomi che possono essere collegati ad altri disturbi e malattie e questo non permette una diagnosi tempestiva, lasciando agire i parassiti in modo indisturbato.

Il problema è che neanche l’osservazione delle feci a occhio nudo permette di riconoscere i vermi e capire di soffrire di parassitosi. Per la diagnosi dei parassiti intestinali ci si rifà agli esami del sangue e all’esame delle feci.

Da una parte l’esame del sangue valuta il livello di eosinofili mentre l’esame delle feci porta alla ricerca al microscopio di uova e/o parassiti presenti a livello gastrointestinale (e quindi più suscettibile a errori).

Come sono i parassiti nelle feci? I tecnici di laboratorio deputati all’analisi del campione di feci cercano parassiti filiformi e biancastri, ma non hanno tutti lo stesso aspetto.

Per esempio, gli ossiuri sono lunghi al massimo un centimetro e sono sottilissimi mentre i vermi del genere Tenia sono lunghi, piatti e frazionati e vantano una parte iniziale dotata di ventose e unici.

Integratori per parassiti intestinali

La maggior parte delle persone crede sia possibile curare la parassitosi intestinale solo con i farmaci prescritti dal medico, inconsapevole di tutti i rischi correlati a tali terapie.

Al contrario gli integratori per parassiti intestinali permettono di curare o coadiuvare una terapia antiparassitaria, nonché prevenire l’infestazione dei parassiti.

Le formule integrative contengono i migliori rimedi naturali con proprietà parassiticide e depurative: piante officinali, spezie e altri doni di Madre Natura. Come eliminare i parassiti intestinali con metodi naturali?

A tal proposito i semi di pompelmo diventano protagonisti di molti integratori per i vermi intestinali grazie alle sue virtù vermicide ad ampio raggio e alle sue proprietà antivirali, antimicotiche e antibatteriche.

Vale lo stesso anche per i semi di zucca. Riescono a comportarsi come antielmintici particolarmente efficaci contro i parassiti estodi grazie alla presenza di cucurbitina. Sostanzialmente li paralizzano, li fanno cadere dalle pareti dell’intestino e stimolano la loro evacuazione.

Un altro rimedio naturale contro i parassiti intestinali è l’estratto di aglio, considerando che la sua attività antibatterica riesce a uccidere le uova dei parassiti.

Anche i chiodi di garofano sono molto utilizzati contro i parassiti estodi come laTenia saginata e Tenia solium.

A questo si aggiungono anche alcune piante dallo spiccato potere vermifugo come l’Artemisia absinthium, il Mallo di Noce e la Mirra. Il loro segreto? Quello di smantellare l’ambiente ideale dei vermi intestinali.

In realtà esistono molti altri rimedi naturali contro i parassiti ma, se presi singolarmente, non possono garantire la stessa efficacia immediata.

In questo caso è sempre meglio assumere un integratore appositamente formulato, meglio se contenente più eccipienti dalle proprietà vermifughe. Un esempio? Detoxionis.

Questo integratore ha ottenuto il consenso di esperti e consumatori per via del mix di tarassaco, radice di cicoria, estratto di finocchio, foglie di ortica e ribes nero. Si è rivelato perfetto per depurare l’organismo in modo efficace e sicuro.

Conclusione

Le parassitosi intestinali possono minare la salute generale a lungo andare e compromettere la normale qualità di vita.

Ai farmaci è preferibile usare gli integratori naturali contro i parassiti intestinali: come eliminarli non sarà più un problema.

Questi prodotti sono privi di effetti dannosi sull’uomo, non richiedono prescrizione medica e possono essere usati anche a periodi ripetuti come sistema preventivo.

Se vuoi continuare la lettura potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:

Francesca Campesotto

Francesca Campesotto

Giornalista / Blogger

Sono da sempre fan dei Doors e canto spesso sotto la doccia. Ho un marito e due figli stupendi. Mi interesso a tutto ciò che riguarda la salute e il benessere della persona e ne scrivo su diversi blog, incluso questo.